Concimazione post-trapianto del pomodoro da industria

Il pomodoro da industria è una coltura con un elevato potenziale produttivo. Per sfruttare al meglio questa sua caratteristica è importantissimo nella fase di post-trapianto “far partire” le piantine al meglio assicurando un attecchimento ottimale.

Le fasi successive al trapianto sono molto delicate e il pomodoro necessita di una nutrizione specifica ed equilibrata in modo da stimolare la radicazione e, allo stesso tempo, creare le condizioni per un ideale sviluppo della parte aerea della pianta.

La linea tecnica

In questo contesto è molto importante realizzare delle fertirrigazioni con il fosforo in modo che le giovani piantine possano facilmente assorbirne le quantità necessarie.

Per rendere le piantine più resistenti agli stress, sia biotici sia abiotici, occorre rinforzare la pianta (pareti cellulari e colletto), apportando sostanze biostimolanti e la giusta quantità di calcio.

Non vanno infine dimenticate le eventuali carenze di ferro che devono essere trattate fin da subito con estrema attenzione.

FERTIRRIGAZIONE:
Be-Start 5.15 15 l/ha
Al trapianto
Leaf P-Ca 10 l/ha + Nano.T Fe 5 l/ha
7 giorni dopo

Per migliorare l'assorbimento dei fertilizzanti si consiglia di impiegare
ad ogni intervento Verv N9 15 l/ha

FOGLIARI:
Giove Bio Gold 1 kg/ha + Leaf P-Ca 2 l/ha
Al trapianto
Leaf P-Ca 2 l/ha + Nano.T Cu 5 l/ha
7 giorni dopo

Per ulteriori informazioni sui prodotti Nano.t : www.nanot.eu

PER VEDERE LA LINEA TECNICA COMPLETA  clicca qui